mercoledì 20 maggio 2009

Solìs e la furia di nonno nanni

Ultimamente guidare mi turba, e questo è brutto come direbbe Giusy.
Requisito imprescindibile per un bocia revisore è infatti l'avere una certa spigliatezza nella guida. Già tempo fa evinsi che l'opel corsa mille non fosse più adatta alle mie lunghe percorrenze, anche alla luce delle cose particolari che accadevano. Un bel giorno, ad esempio, il cambio mi si afflosciò tristemente in mano e la panda verde dietro di me, con Ugly Betty al volante, decidette di darmi una spinta da dietro per farmi attraversar la statale lo stesso. Quel giorno un signore molto bravo mi aiutò nel difendermi dalle perfidie di Ugly Betty e io incredula da cotanta generosità alla fine dei giochi l'avevo congedato dicendogli: "Basta dire grazie? ". Che ai suoi occhi poteva suonare come: "Cosa vuoi come ringraziamento, ti devo limonare o vuoi dei soldi?". Ma questo non importa. Quello che volevo portare in evidenza è che da quando ho la macchina nuova non ho mai più incontrato dei signori gentili. Ieri ad esempio ero in Corso Duca degli Abruzzi a Torino e ho leggermente sfiorato lo specchietto di una macchina, il vecchio alla guida è addirittura sceso dall'abitacolo per venire a battermi i vetri; e solo dio sa cosa è uscito da quella bocca Polident. Per fortuna è diventato verde altrimenti non so cosa poteva fare Nonno Nanni, minimo si tirava giù i pantaloni e mi urinava sul parabrezza. Probabilmente era un ex brigatista, so solo che la mia macchina deve aver qualcosa che non quadra. La porterò a far vedere dall'esorcista.

2 commenti:

Biiibaaa ha detto...

Io sono un signore gentile, quando mi dan dentro generalmente dico "ahah mado sentito che mina??" e poi mi faccio offrire della birra

Anonimo ha detto...

ahahhaha mi ha fatto molto ridere ,brava secon