domenica 10 maggio 2009

Biiibaaa 108

Dio dice ad Adamo ed Eva di non mangiare dell'albero della conoscenza perchè altrimenti moriranno, cosa che in effetti poi non accade.
Il serpente li convince a mangiarne dicendo che non moriranno affatto, e che anzi, i loro occhi si apriranno.
Loro ne mangiano e non solo non muoiono, ma i loro occhi si aprono.
Ora ognuno tiri le conclusioni che crede, però qua l'unica persona per bene di tutta la banda a me pare il serpente, che verrà per giunta punito terribilmente da Dio per aver fatto null'altro che del sano e innocente giornalismo

7 commenti:

LanZeppelin ha detto...

Beh a me viene già solo i brividi pensare che il papa è il pastore, e i fedeli il gregge che lui guida...

Una massa di pecoroni...

Anonimo ha detto...

biiibaaa dovresti dare ripetizioni a gramellini :)

magari gli ricrescono i capelli eheh

peterconiglio ha detto...

Diciamo pure che, fossi stato Adamo, a me qualche dubbio sarebbe venuto visto che l'albero si chiamava "della conoscenza"
Ma perché poi Dio non voleva che l'uomo sapesse? a catechismo non me l'hanno mai spiegato

Biiibaaa ha detto...

E poi Dio ha mentito, Eva ha truffato e poi ha fatto la spia, Adamo ha rubato, mentito e poi provato a scaricare la colpa su terzi. Il serpente ha detto semplicemente la verità, non capisco tutto questo accanimento

Chuck ha detto...

Credo che tutta la storia sia un monito ad accontentarsi della propria ignoranza beata, e guai a cercare di scoprire come stiano le cose realmente. Una virtu' evidentemente molto cara alle religioni di ogni tempo e luogo.

Altrimenti si scoprirebbe come vengono utilizzati realmente i soldi dell'ottopermille, cosa fanno i vescovi e i cardinali nel tempo libero con il loro uccello raggrinzito, come sono state rimaneggiate le scritture nei secoli, chi erano veramente gli esseni, i rapporti da chiese e dittatori, e via di questo passo. Capite che poi uno non dormirebbe piu' la notte. Dunque, meglio niente mele. Per il nostro bene.

Sara ha detto...

come vengono utilizzati realmente i soldi dell'ottopermille..

Con i soldi dell'8xmille i parroci s allargano la cappella,per la gioia dei piccoli angioletti che sono i chierichetti!
ahahah

Anonimo ha detto...

rispetto