lunedì 23 marzo 2009

Biiibaaa 86

La Svizzera confina a nord con la Germania, poi qua a destra scendendo uno scalino confina con la Francia, e lì dietro quel vaso confina con l’Italia. La sua superficie è di 23 centimetri quadri, e la pizza costa 3 franchi al centimetro quadro. Ci sono momenti in cui la Svizzera è interamente coperta di pizza, ed è così che mantiene la propria neutralità in caso di guerra tra Paesi confinanti.
La gente in Svizzera è cordiale, ma appena superi il confine tedesco provati ad avvicinare una strafiga e chiederle se parla italiano e ti sentirai rispondere con un’incredibile rabbia “NNNNNNòu!”. Dopodichè cercando di fare lo spiritoso e dicendo “Zei tu teteska?” non farai che peggiorare la situazione.
L’italiano in Svizzera viene considerato un simpatico coglioncello, buffo ma non pericoloso, e non viene preso mai sul serio.
In Svizzera è molto bello uscire la sera con Chuck perché conosce tutti i posti economici e fa valere le ragioni dell’Italia afferrando i camerieri per il cravattino fino a che il padrone in persona viene a chiedere “Ci sono problemi?”.
Non sono molto ladri gli Svizzeri, tipo se lasci la macchina in posti malfamati la ritrovi e se metti la giacca in terra e vai via poi la ritrovi, ma se vedi una donna che all’apparenza può sembrarti molto attraente e poi invece nasconde sotto il bavero un evidente pomo d’adamo, quello che non potrai mai più ritrovare sarà la tua verginità rettale.
Lo Svizzero non ha cuore. Allo zoo dopo che hai osservato a lungo un coccodrillo enorme e hai messo la tua faccia a tre centimetri dalle sue zanne, proprio mentre stai decantando la sua forza e sei infinitamente ammirato dalla possanza della sua muscolatura, ecco che lo svizzero ti ficca una bacheca piena di scarpe di coccodrillo, e credimi, non c’è modo peggiore di rivendicare la superiorità umana e uccidere ogni barlume di poesia. I cartelli indicanti le pecore raffigurano l’animale tosato, con la lana appena accenata in ombreggiatura, perché lo svizzero bada al sodo e converte tutto in danaro sonante.

Ma il problema vero, annoso, e gravissimo è che io non vado d’accordo con le scimmie. Da sempre. Non so come mai. Appena mi vedono mi attaccano. Allo zoo di Basilea ho fatto qualche esperimento, avvicinandomi piano, ed ecco che le scimmie si sono subito staccate dai rami e sono venute a ringhiare contro il vetro.
Perfino il gorilla, che è molto pigro e pacifico, vedendomi vicino al vetro mi ha guardato (ha guardato proprio me, in mezzo a tutto il gruppo di visitatori), e poi col dorso della mano ha dato un colpetto al vetro, davanti alla mia faccia. L’ha fatto con noncuranza ma l’ha fatto. Come a dire “Sì sì ti ho visto va, piciu”.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Ah ah ah, che riassunto perfetto!

(Pero' la pizza non era 3 franchi al cm quadro, era un franco per 3 cm quadri...)

Enrico

Biiibaaa ha detto...

io sono uno sperperone, è notorio. Il 3 lo uso x disegnare le tette e l'8 per le formichine, quando mi chiedono i soldi io vedo i numeri così

Sara ha detto...

ahahaha
una volta il mio grande amico Biba,aveva una deliziosa storiella per ricordarsi il numero del bancomat.
Tipo che voleva 2 fighe,una del 54 e l'altra del 72 messe a 90.
ecco,capite che,a un certo punto il mio amico è talmente generoso che andava a prelevare soldi su soldi solo x far ascoltare questa esilerante storia ai suoi amici.
aaaahhh,bei tempi,quelli.
Ora ha un codice che purtroppo non mi ricordo.E infatti è anche molto piu' ricco..ahahah

Anonimo ha detto...

ahahah cmq le due fighe erano molto + giovani
Biba

Sara ha detto...

si mi ricordo bene di che anno erano,ma nn sta bene che dico su un blog il tuo numero di bancomat.
in piu' nn sta bene che tu sai che io so il tuo numero di bancomat se no inizi il gioco dell'esattore e vai a vedere tutti i prelievi dal 98 a oggi.
Pui! ahahahh

Anonimo ha detto...

PERO' BIIIBAAA SI E' DIMENTICATO DI DIRE CHE L'ORANG-U-TAN, NOME SCIENTIFICO 'PONGO PYGMAEUS', NON SI E' SCAGLIATO CONTRO IL SUDDENTO, BENSI' GLI SI E' AVVICINATO CON FIDUCIA SEDONDOGLISI TENERAMENTE ACCANTO...