lunedì 30 maggio 2011

Chuck 145 - La volta che abbiamo aperto una bottiglia di vino con un ombrello

Questa è una storia che risale al settembre 2008. Avevo iniziato da qualche mese il dottorato e tutto l'istituto era in ritiro in questa favolosa località delle Alpi, in un lussuoso hotel 4 stelle con piscina sauna e tutto. Per dire, c'erano anche gli accappatoi e le ciabatte in camera.

Io e i miei due compari ci stavamo preparando per la cena di gala, quando ci è venuta voglia di fare un brindisi privato in stanza prima di scendere in mezzo al resto della folla.

Avevo portato una bottiglia di vino rosso.

Sarà anche stato un albergo di lusso, ma non c'era un cavatappi in camera.

C'era pero' un ombrello.

2 commenti:

pasquy ha detto...

hahahaa mitico!

Davide Giletta ha detto...

ahahahahah il mattino dopo avete fatto trovare pulito o han dovuto chiamare la scientifica per l'analisi delle macchie di sangue post-delitto?